A+ A A-

Großer Österreichischer Zapfenstrich In evidenza

La rappresentazione Großer Österreichischer Zapfenstrich è chiamata in italiano la “Grande ritirata austriaca”. La consuetudine di suonare la ritirata risale al periodo dei lanzichenecchi e indicava l’inizio del riposo notturno nei quartieri militari. Tradizione vuole che il termine tedesco “Zapfenstreich” derivi, appunto, dall’usanza di tracciare un segno di gesso sulla spillatura della botte, per verificare il rispetto del divieto notturno di mescita.La cerimonia della “Zapfenstreich” è divenuta una tradizione militare molto apprezzata e seguita sia dall’esercito germanico che da quello austriaco, ma anche dalle compagnie degli Schützen tirolesi.

 

La marcia è stata composta nel 1965 da Siegfried Somma, sulla base di antichi segnali di richiamo austriaci, realizzati con colpi di tamburi, e marcette composte per i 600 anni d’appartenenza del Tirolo all’Austria. Oggi è eseguita da bande musicali, squadre militari e compagnie di Schützen, in occasione di celebrazioni civili o militari, come importanti giubilei o giuramenti solenni. Elemeni essenziali della “Großer Österreichischer Zapfenstrich”, in tutto il Tirolo storico, è la presenza dell’inno nazionale austriaco, di quello tirolese, e di marce tradizionali dell’epoca austro-ungarica.

 

 

 

 

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto